Fare trekking con il cane: i consigli utili

Che si tratti di un lungo cammino, una settimana di autentico trekking in montagna o la gita di un pomeriggio fuori porta, camminare all’aria aperta con il tuo cane è un ottimo modo per rafforzare il vostro legame e tenere in forma entrambi. 

Sui sentieri, in ogni stagione, è sempre più frequente incontrare appassionati che si muovono in compagnia dei loro cane, perché la montagna è un ambiente rilassante sia per noi sia per i nostri amici a quattro zampe: un posto dove vivere avventure ed esperienze intense e che ci permette di crescere nella relazione e nella conoscenza reciproca. 

Pronto ad un’avventura di trekking con il tuo cane? Abbiamo provato a riepilogare i consigli utili per fare dog trekking. 

1.    Bisogna prepararsi 

Fare trekking con il proprio cane non vuol dire scegliere la prima destinazione che ci viene in mente e ci ispira e partire per la nostra escursione. Fare trekking con il cane significa preparazione. 

Il primo passo è trovare il percorso giusto e sentieri escursionistici adatti sia alle tue che alle condizioni del tuo cane. Non tutti i sentieri vanno bene per il nostro cane. Ci sono percorsi che non non sono adeguati alle sue condizioni fisiche e potrebbero metterlo troppo in difficoltà. In alcuni parchi nazionali, ad esempio, in certi periodi dell’anno i cani non sono ammessi. Ecco perché è importante informarsi prima di partire, per fare la scelta del percorso giusto sia alle tue gambe sia alle zampe. Se si tratta di un cammino su più giorni, controlla in anticipo quali alloggi e/o rifugi accettano i cani. 

Per prepararsi al meglio fisicamente, è bene iniziare con un’escursione su un percorso semplice e man mano aumentare la difficoltà, in modo che anche l’amico fido si abitui a distanze più lunghe con gradualità. Un consiglio? Fai passeggiate nella foresta e testa il suo (e il tuo) equilibrio su tronchi d’albero caduti e continua con salti e giochi sui rami e su terreni accidentati. 

Fare trekking in montagna con il proprio cane può anche significare incontrare altri animali e potenzialmente pericolosi. Lupi e orsi solitamente non se ne incontrano, mentre fai attenzione ai cinghiali e alle vipere e in caso di morso contatta subito la clinica veterinaria più vicina. 

2.    Acqua sempre a portata di mano 

Dopo aver scelto il percorso giusto per il vostro trekking, passiamo allo zaino, nel quale metteremo tutto il necessario per noi e per il nostro cane. L’acqua è essenziale, in quanto i cani bevono quanto (se non di più) noi e hanno bisogno di acqua fresca costante. Non sempre si trovano corsi d’acqua o fontane dove si possono dissetare ed è sempre meglio evitare pozzanghere e stagni: puoi acquistare una comoda ciotola leggera in silicone richiudibile che si attacca allo zaino con un moschettone. Consigliato anche mettere nello zaino snack appositi per il cane e una dose del suo cibo.  

3. Tutto l’occorrente 

Alcuni strumenti utili per fare trekking con il cane: 

  • Lunghina: un guinzaglio lungo che permette al cane di avere la libertà di esplorare pur rimanendo al guinzaglio. La lunghezza può variare.
  • GPS: strumento efficace per evitare di essere sopraffatti dall’ansia ogni volta che lo si perde di vista. Ne esistono molti modelli in commercio con prezzi diversi.
  • Guinzaglio o pettorina di riserva: portane sempre uno perché non si sa mai. Guinzaglio o pettorina? Scegli lo strumento adeguato al tuo cane e non gli provochi disagio e/o altri danni.
  • Museruola: in alcune mete, soprattutto quelle raggiungibili con l’utilizzo di impianti di risalita, può essere necessario l’utilizzo della museruola.
  • Sacchettini raccogli “bisognini” da buttare negli appositi cestini.
  • Giacca antipioggia o cappottino impermeabile per proteggere dalla pioggia in montagna.
  • Spazzola o pettine, se il cane si impigna da qualche parte.  

4. Il Kit del pronto soccorso 

Un kit pronto soccorso per cani può essere composto da:

  • Pinze per zecche
  • Pinzette per rimuovere parassiti o schegge
  • Mini-torcia
  • Lente d’ingrandimento
  • Pettine e spazzola
  • Guanti usa e getta
  • Spray disinfettante e pomate per piccole ferite
  • Repellente per pulci
  • Grasso di mungitura o vaselina per le zampe del cane

È possibile, inoltre, stipulare una polizza assicurativa per l’animale: può magari non succedere ma basta un brutto incontro, una caduta o una corsa di troppo per far danni. L’assicurazione è utile per spese veterinarie e per eventuali cause legali. 

5. Cane libero o al guinzaglio? 

Grande diatriba da sempre: in montagna il cane è libero o è meglio tenerlo al guinzaglio?

Un cane può stare libero ma non sempre ed è sempre bene che conosca un buon segnale di richiamo. 

Il guinzaglio non deve mai mancare, anche se avete il tuo cane è abituato a muoversi libero ed è molto educato, soprattutto in caso di luoghi affollati o di incontri con fauna selvatica. 

Tutto comunque dipende: dal carattere del cane, dalle regole del luogo scelto per l’escursione, dall’affollamento e dalla pericolosità del sentiero.

6. Dopo il trekking 

Una volta terminato il trekking e tornati a casa (o nel luogo dopo alloggiate dopo una giornata in cammino) controlla il tuo cane per accertarti che sia tutto ok. Spazzolalo per eliminare eventuali residui di foglie, semi o spine che potrebbero essersi infilati nelle orecchie, nel pelo o tra le zampe. Controlla che durante la passeggiata non abbia preso zecche e se i polpastrelli presentano abrasioni o ferite. Infine, prepara un pasto ricco sia per te sia per il tuo amico a quattro zampe per recuperare le energie. 

Se avete un cane, è il momento di partire alla volta di un’avventura a base di trekking in montagna e se siete alla ricerca di un accompagnatore, cosa aspettate? Fate un giro nel canile della vostra città o paese e adottate un amico a quattro zampe. 

Prodotti correlati

La calza da trekking dedicata a uno dei cammini a tappe più famosi: Il Cammino di Santiago

Calza dedicata principalmente agli amanti del trekking in montagna, ma è anche adatta a chiunque svolga attività sportiva outdoor.

In promozione: compri 3 paia, ne paghi solo 1.

PROMO%

Le calze da trekking dedicate ad uno dei cammini per noi più significativi: la via del Sale.

Le calze da trekking dedicate ad uno dei cammini per noi più significativi: la Via Francigena.

© 2020 Oxeego | Privacy policy | Cookie policy | Credits